semi

Cosa sapere prima dell’acquisto dei semi autofiorenti

Nel corso degli ultimi anni i semi di cannabis hanno ottenuto un ampio successo. Sono diverse, però, le persone che hanno ancora dei dubbi su questo argomento, specialmente quando si decide di acquistare questi prodotti. Per questo è opportuno innanzitutto fare attenzione a quelli che possono essere definiti dei falsi miti, che riguardano in particolare, ad esempio, la possibilità di distinguere i semi femminili. Molti pensano che questa operazione si possa fare tenendo conto di una depressione che si troverebbe nell’area inferiore dei semi. In realtà le cose stanno in modo diverso, perché, per avere dei consigli giusti su ciò che si sta acquistando, anche in termini di semi autofiorenti, è sempre opportuno chiedere delle informazioni direttamente al rivenditore.

Leggere bene le schede dei prodotti

Se si vogliono acquistare dei semi autofiorenti femminizzati o dei prodotti da coltivare di questo tipo, bisogna leggere bene le schede dei prodotti che si possono trovare per esempio sui negozi online. Leggere le schede prodotto rappresenta un punto fondamentale per poter fare la scelta giusta.

Infatti proprio dalle schede si possono ricavare delle informazioni davvero importanti, come per esempio a quanto corrisponde la resa media del raccolto. Inoltre nella scheda si possono trovare anche delle specificazioni per quanto riguarda le caratteristiche genetiche e il clima ideale in cui i semi hanno la possibilità di crescere e di svilupparsi.

Fare attenzione al clima della zona di coltivazione

Proprio il fattore clima rappresenta un elemento fondamentale, se si decide di coltivare i semi di cannabis. Ecco perché, dopo aver letto le informazioni che a questo proposito vengono descritte sulle schede, è meglio fare attenzione al clima della zona in cui si vive.

In generale, per quanto riguarda l’Italia, possiamo dire che può essere considerata un’area dove per la coltivazione sarebbe meglio utilizzare semi che portano a sviluppare piante tipiche di un ciclo di vita abbastanza breve.

Cercare informazioni sulla seed bank

Un altro criterio fondamentale, davvero significativo, per la possibilità di acquistare semi di cannabis consiste nel cercare informazioni sulla seed bank da cui la qualità che si vuole acquistare proviene. Sembrerebbe un dettaglio da poco, ma in realtà potrebbe fare davvero la differenza.

Ci sono alcune banche, per esempio, che si concentrano su alcune varietà in particolare, invece altre sono conosciute soprattutto per i prezzi molto convenienti. Quindi, proprio per distinguere bene, prima di procedere all’acquisto dei semi, sarebbe importante documentarsi sulle più importanti seed bank a livello mondiale. Così si ha la possibilità di consultare con una certa consapevolezza i vari cataloghi.

Concentrarsi sulle recensioni

Un altro consiglio importante da seguire prima dell’acquisto dei semi consiste nel fare attenzione alle recensioni che vengono lasciate sui prodotti e sui negozi online. Infatti, specialmente se si parte da un livello basso di esperienza, il tutto potrebbe rivelarsi più complicato.

Quindi le recensioni degli altri utenti che hanno già acquistato possono essere considerate delle ottime fonti per trovare degli spunti per scoprirne di più, soprattutto per scoprire qual è la tipologia di semi più adeguata, tenendo conto di vari fattori.

Fra questi contano appunto l’esperienza, lo spazio che si ha a disposizione per la coltivazione, i risultati che si vogliono ottenere anche in termini di raccolta e le esigenze determinate dal budget a disposizione.

Non fidarsi delle offerte a prezzo stracciato

Da ricordarsi sempre che la qualità ha comunque un suo prezzo. Se è vero che ci vuole a disposizione comunque un budget per iniziare la coltivazione, è chiaro che si deve ricercare l’offerta più conveniente. Tutto questo però non vuol dire che ci si debba fidare delle offerte a prezzo stracciato.

Più che altro, se ci si accorge che ci sono delle promozioni, può essere importante approfittarne, senza rinunciare al rispetto delle regole e alla qualità dei prodotti.