Quali sono gli infestanti più diffusi? 6 casi a cui fare attenzione

  1. Oggi le zanzare, soprattutto quelle tigre, sono un infestante che desta molta preoccupante poiché soni diffondo molto in fretta e rendono praticamente infrequentabili diverse zone come i giardinetti pubblici e altri luoghi dove ci sono dei piccoli ristagni di acqua. Le disinfestazioni Roma devono esser fatte periodicamente per evitare l’esplosione del fenomeno. Le zanzare tigre pungono anche durante il giorno e attraverso i vestiti provocando delle punture molto dolore e pruriginose.
  2. Le formiche possono infestare diverse zone, soprattutto se in giro ci sono dei residui di cibo. Le formiche entrano da qualsiasi piccola fessura ed è meglio controllare il loro percorso per capire da dove entrano così da tappare la fessura o il loro passaggio con dello stucco a presa rapida. Per evitare che si riavvicino alcuni sono soliti cospargere tutto il perimetro della casa con della farina fossile.
  3. Pure le vespe, i calabroni e simili son infestanti e per toglierle di mezzo si deve eliminare il loro alveare. Per farlo è necessario chiamare gli esperti perché le loro punture sono davvero molto pericolose le vespe sono molto aggressive e non muoiono dopo la puntura, come invece capita alle api.
  4. Eliminare i topi non è facile ed è necessario mettere in atto disinfestazioni Roma ben studiate perché eliminare un individuo non è per nulla sufficiente per liberarsene: è necessario individuare il nido per colpire l’intera colonia.
  5. Le cimici dei letti sono solite infestare la zona letto ma si possono trovare anche in mobili di legno proveniente dal mercatino dell’usato o anche sui mezzi pubblici. Un sistema per evitare il contatto è utilizzare degli oli essenziali che urtano il loro olfatto.
  6. Le blatte, cioè gli scarafaggi, sono degli infestanti molto difficili da eliminare perché sono assai resistenti. Amano la sporcizia che si trova sotto e dietro ai mobili perciò una prima operazione potrebbe essere quella di spostare tutto e pulire con cura, cospargendo anche la farina fossile come deterrente.