auto

Noleggio a lungo termine, come si sta evolvendo il mercato in Italia 

Comprare un’automobile nuova o una di seconda mano? Questa domanda, non di rado, si insinua nella mente dei consumatori e trova le risposte più svariate. Nel corso degli ultimi anni, però, esiste una terza soluzione che col passare del tempo ha avuto il crescente gradimento da parte degli italiani: il noleggio a lungo termine

Un mercato particolarmente vivace, in particolar modo nel mondo della grande rete telematica. Esistono diversi portali online, come quello di Finrent, che offrono la possibilità di effettuare un NLT ad un prezzo veramente conveniente, ti consiglio di controllare spesso il loro listino, per verificare se ci sono particolari occasioni.

NLT sempre più richiesto: i motivi del successo

Il mondo del mercato del noleggio a lungo termine, d’altro canto, è risultato totalmente anticiclico rispetto a quello automobilistico, che negli ultimi anni, colpito dalla pandemia, prima, e delle folle corsa delle materie prime, poi, ha conosciuto un brusco stop: non c’è da stupirsi, quindi, se alcuni grandi gruppi abbiano deciso di unirsi e unito le forze per far fronte ad una situazione di cui non si vede ancora la luce in fondo al tunnel

In un contesto economico incerto, le famiglie tendono a rimandare le spese che comportano un significativo allentamento dei cordoni del portafoglio, in attesa di “tempi migliori”. Ma in alcuni casi, per vetustà del veicolo o costi eccessivi di riparazione e manutenzione, si rende indispensabile impugnare il volante di una nuova autovettura. E la soluzione del noleggio a lungo termine rappresenta, ad oggi, quella economicamente più sostenibile

Non è necessario indebitarsi, come avviene, invece, quando si acquista un autoveicolo e si ricorre alla rateizzazione tramite personale personale: una volta terminato il contratto con la società di NLT (di norma 12 mesi, ma gli accordi possono essere talvolta anche personalizzati in base alle esigenze degli utenti), non c’è più alcun onere da sostenere. 

Nessuna maxi-rata finale, situazione che si presenta quando si ricorre al mondo del leasing, oltre ad aver incluso nella rata mensile tutti i costi da dover sostenere quando si è proprietari di un veicolo: dalle tasse di registrazione al bollo, oltre ad aver incluse le spese per la revisione del veicolo e quelle per gli interventi tecnici ordinari e straordinari. 

I numeri del boom del Noleggio a lungo termine 

Non c’è da stupirsi, di conseguenza, se il mondo del rent a car è cresciuto esponenzialmente nel corso degli ultimi anni, come testimoniano chiaramente i numeri. Partiamo da quello relativo all’ammontare complessivo del business attorno al quale si muove il mondo del Noleggio a Lungo Termine, che supera i 4 miliardi. 

Negli ultimi ventiquattro mesi, nonostante le molteplici turbolenze economiche, il comparto ha fatto registrare una crescita complessiva del 5%, unico facente parte del mondo automobilistico ad aver fatto registrare un segno positivo: anche il mondo del noleggio a breve termine, che vive essenzialmente di turismo, è regredito, anche se il mutato contesto pandemico lascia ben sperare per una ripresa sin dai prossimi mesi. 

Chi pensava, quindi, che il NLT potesse essere solo un fenomeno transitorio, legato a particolari momenti storici, è stato smentito dai fatti. E non deve meravigliare che i più importanti brand legati al mondo del credito e assicurativo abbiano volto il loro sguardo verso questo settore, che dispone di infinite potenzialità di crescita nel corso dei prossimi anni. 

Una maggior sinergia tra gli operatori del NLT e il mondo del credito, infatti, non farà altro che aumentare la facilità con la quale fruire questo servizio, dando modo ad ogni singolo utente di poter carpire se sia effettivamente più conveniente acquistare un nuovo veicolo o sia preferibile optare il noleggio a lungo termine.